Statuto

CENTRO STUDI MARCHIGIANO – UGO LA MALFA

J   E   S   I

STATUTO

Art. 1

È costituita con sede in Jesi, via Marconi 10, l’Associazione culturale “Centro Studi Marchigiano UGO LA MALFA”.

Art. 2

L’Associazione senza fini di lucro ha lo scopo di promuovere studi, ricerche,  e dibattiti di carattere storico, politico, giuridico ed economico, in uno spirito di largo incontro con le correnti democratiche della vita italiana, di affermazione del carattere critico della cultura e di confronto con le componenti più vive della società.

Per il perseguimento dei propri fini statutari l’Associazione può stabilire forme di collaborazione con altre associazioni, con istituti di cultura e gruppi di studio e di lavoro.

Art. 3

Il Centro Studi, previa convenzione, può agire come strumento operativo, per i fini di cui all’art. 2,  di cooperative o altre associazioni, che abbiano affinità culturali ed ideali con il Centro Studi Marchigiano Ugo La Malfa.

Art. 4

Possono essere soci del Centro Studi Marchigiano i cittadini il cui orientamento culturale trovi riscontro nell’area laico-repubblicana, mazziniana e liberaldemocratica. L’ammissione dei soci è deliberata dall’Assemblea.

E’ istituito, inoltre, l’Albo dei Sostenitori, al quale sono iscritti coloro, soci o non soci, persone ed enti, che contribuiscano finanziariamente alla vita dell’Associazione con donazioni, lasciti e simili.

Art. 5

Gli organi dell’Associazione sono:

L’Assemblea dei soci;

Il Presidente del Centro;

Il Coordinatore;

Il Comitato Esecutivo;

Il Consiglio dei Consulenti;

Tutte le cariche sociali sono gratuite. Sono previsti compensi per prestazioni professionali o per il rimborso delle spese.

Art. 6

L’Assemblea è presieduta dal Presidente del Centro ed è indetta in sessione ordinaria non oltre il 30 del mese di dicembre di ciascun anno per l’esame del progetto delle attività da svolgere nell’anno successivo.

Il progetto è predisposto dal Consiglio dei Consulenti, d’intesa con il Comitato Esecutivo.

L’Assemblea straordinaria può essere convocata su richiesta del Comitato Esecutivo, del Presidente o di almeno 5 soci.

La convocazione è fatta dal Presidente a mezzo avviso da affiggere all’Albo Pretorio del Centro Studi o da inviarsi ai soci almeno dieci giorni prima della data fissata per l’Assemblea medesima.

Art. 7

Le Assemblee sono valide in prima convocazione quando sia presente o rappresentata la maggioranza dei soci e in seconda convocazione qualunque sia il numero dei soci presenti o rappresentati.

Le proposte sono approvate a maggioranza assoluta dei votanti direttamente o per delega.

Le modifiche dello Statuto sono deliberate dall’Assemblea a maggioranza dei due terzi dei votanti, il cui numero non dovrà essere inferiore ad un quarto del numero dei soci, che possono farsi rappresentare da altri soci, muniti di delega scritta. Nessun socio può rappresentare, per delega, più di cinque  soci.

Art. 8

Il Presidente, e il Comitato Esecutivo  sono nominati dall’Assemblea tra i suoi componenti, rimangono in carica tre anni e possono essere riconfermati.

Il Coordinatore del Centro è nominato dall’Assemblea, su proposta del Comitato Esecutivo, può essere scelto anche tra i non soci, dura in carica per un triennio e può essere riconfermato.

Art. 9

Il Comitato Esecutivo è formato da un numero di componenti compreso fra tre e cinque, deliberato di volta in volta dall’Assemblea.

Art. 10

Su proposta del Comitato Esecutivo, d’intesa con il Coordinatore, il Consiglio dei Consulenti è nominato dall’Assemblea tra i docenti delle Università degli Studi, preferibilmente marchigiane, o tra persone di spicco nel campo della cultura.

Il Consiglio dei Consulenti ha il compito di predisporre gli indirizzi e le proposte per l’attività del Centro, da sottoporre all’esame del Comitato Esecutivo e all’approvazione dell’Assemblea; dura in carica un triennio e può essere riconfermato per successivi trienni. Il numero dei suoi componenti non è definito e può essere modificato annualmente. Di esso il Presidente è membro di diritto. In caso di non funzionalità o di altri seri motivi  può essere dichiarato decaduto dall’Assemblea su proposta del Comitato Esecutivo.

Art. 11

L’attività del Consiglio dei Consulenti è organizzata e diretta da un Coordinatore.

Art. 12

Il Presidente è il rappresentante legale del Centro Studi, ha la responsabilità amministrativa, cura e predispone il bilancio del Centro d’intesa con l’esecutivo.

Art. 13

Il Coordinatore ha la rappresentanza dell’Associazione nei confronti di terzi, convoca e presiede il Consiglio dei Consulenti, è membro di diritto von voto consultivo del Comitato Esecutivo del Centro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...